Dal blues alla vita di Modigliani. I prossimi due spettacoli del Mercantile

1 Posted by - 9 maggio 2017 - Articoli, eventi

 

modigliani_michele_crestacci

15271959_10154031600731723_8518613910562135495_o

Dal blues alla vita tormentata di Modigliani. Sono due gli appuntamenti che abbiamo organizzato durante l’orario dell’aperitivo per sabato 20 e domenica 21 maggio. Un concerto ed uno spettacolo teatrale che allestiremo all’interno del grazioso teatro all’aperto di villa Mimbelli. La nuova location che ci ospiterà per la nostra prossima edizione primaverile. Sede anche del museo civico dedicato a “Giovanni Fattori”, si trova vicinissima al lungomare (a soli 500 metri a piedi dalla terrazza Mascagni, in via San Jacopo in Acquaviva). Con un grande parco di ispirazione romantica dove potrete passeggiare tra i banchi dei nostri 65 artigiani e crafter. Nel mondo del nostro market design tra truck-food, laboratori, workshop e spettacoli.

  Sabato sera, infatti, (alle ore 19) suoneranno i Betta Blues Society. Un giovane gruppo pisano – composto da Elisabetta Maulo (voce, kazoo, ukulele, washboard), Lorenzo Marianelli (dobro, ukulele, cori) Fabrizio Balest (contrabbasso, cori) e Pietro Borsò (percussioni) – che proporrà un mix allegro ed emozionante di generi diversi tra loro. Dal blues al gospel, fino al folk ma in chiave moderna. Un live che saprà distinguersi per la sua vitalità e per il coinvolgimento del pubblico presente grazie a strumenti acustici e alle armonie vocali. E che riuscirà a trasmettere al Mercantile, rendendola accessibile a tutti, la vera anima della musica blues.

  All’interno del teatro di villa Mimbelli faranno poi vari brani del loro terzo album di inediti “Let Them Out” (uscito lo scorso dicembre). Testi che raccontano storie di vita personale, come succedeva nei primi anni del ‘900. Una band, insomma, che dal 2009 ha suonato in locali e festival sparsi per tutta Italia condividendo talvolta il palco con artisti come Lynyrd Skynyrd, Carmen Consoli ed Alex Britti. Ma anche Edoardo Bennato, Samba Touré e Raphael Gualazzi.

  Domenica sera (alle ore 18.30), a chiudere la nostra due giorni primaverile, saliranno sul palco del teatro di villa Mimbelli Michele Crestacci e Alessandro Brucioni con il loro spettacolo itinerante sulla vita di Amedeo Modigliani (produzione Mo-wan teatro). Ne racconteranno la storia e le passioni. Ricostruiranno con il pubblico un intenso e onirico ritratto dell’uomo. Ma anche del padre e, soprattutto, del pittore. Di una persona timida ed ironica. Generosa ed elegante. Introversa e sempre scontenta di se stessa e della sua inconfondibile arte.

  Attraverso una irriverente, stralunata e comica spola tra la città natale di Livorno e tra la Parigi viziosa di Montmartre e Montparnasse, tra il passato ed il presente, lo spettacolo trasmette uno sguardo amaro sulla Provincia solare e bella che non è stata capace di riconoscere il suo genio. Troppo conservatrice, ostile al rinnovamento e irragionevolmente orgogliosa delle proprie debolezze. Scolorita e colpevole perciò dell’esilio di Modigliani.

  Un ritratto che fa parte di una trilogia di monologhi dei due artisti per raccontare una comunità, una città ed il suo odore (assieme a quelli sul poeta Giorgio Caproni e sul calciatore Armando Picchi). E che ha vinto il premio Nino De Reliquis per il teatro, la danza e le arti performative nel 2009.